Igiene dentale news

Spazzolino da denti: storia, curiosità e pulizia

Ebbene sì, si parla di storia perché la prima apparizione dello spazzolino risale a quasi 400 anni fa!
Anche prima del 600 le persone curavano la propria igiene orale ma con strumenti un po’ diversi! Per la pulizia dei denti, infatti, le persone utilizzavano dei bastoncini da masticare, rami, radici o addirittura ossa di animali.

Il famoso bastoncino veniva masticato finché non si ammorbidiva, così da poter utilizzare la parte morbida per spazzolare i denti.

I primi accenni allo spazzolino risalgono ai primi secoli dopo Cristo: il primo spazzolino fu realizzato in Cina con peli animali, infatti le setole erano realizzate con peli di maiale o cinghiale.

Intorno all’800 invece, in Europa venne realizzato lo spazzolino con peli di suino e manico di osso.

Negli Stati Uniti invece il primo spazzolino fu realizzato sempre con setole di origine animale e manico di osso, avorio o legno.

Negli anni a seguire però si scoprì che le setole animali erano un vero ricettacolo di germi e batteri e che la loro detersione e asciugatura non era assolutamente facile.

Fu così che negli anni a seguire i manici vennero realizzati con la celluloide e le setole in nylon, così da abbandonare le fibre animali e lasciare spazio ai materiali sintetici.

Non sottovalutare la pulizia dello spazzolino!

Ebbene sì! Molti germi si annidano quotidianamente tra le setole del nostro spazzolino da denti.

Non vi spaventate, è perfettamente normale. Bastano poche e semplici indicazioni da seguire per fare sì che questo non rappresenti un problema per la nostra igiene orale.

Seguite queste 6 semplici indicazioni per avere sempre lo spazzolino pulito!

  1. Lavarsi sempre le mani, prima e dopo aver utilizzato il proprio spazzolino come d’abitudine
  2. Risciacquare accuratamenteil tuo spazzolino con acqua calda dopo averlo utilizzato
  3. Conservare lo spazzolino da denti in posizione verticale(va benissimo il classico bicchiere) e non riporlo in un contenitore chiuso. Lo spazzolino deve prendere aria mentre non viene utilizzato.
  4. Sostituireil proprio spazzolino con uno nuovo dopo aver avuto l’influenza (o dopo che qualcuno con cui viviamo si sia ammalato)
  5. Sostituire lo spazzolino con una frequenza di 3-4 mesi, o comunque quando le sue setole iniziano a presentare segni di usurae dopo averlo usato non provate più la sensazione di pulito che provavate all’inizio
  6. Non condividere lo spazzolino da denti. La saliva ed i batteri possono trasferirsi da una persona all’altra. Ad esempio i batteri che provocano le carie.

Scopri tutti gli Spazzolini Geldis e scegli quello più adatto alle tue esigenze!