Igiene orale consigli

Il filo interdentale: come si usa e a cosa serve?

filo-interdentale-lime-bergamotto-drink

Il filo interdentale è una di quelle cose che provoca automaticamente uno sbuffo generale: promettiamo che dopo aver letto questo articolo, però, vi sembrerà tutto più facile e meno noioso, parola di Geldis!

Credits: Tenor GIFs

No, davvero, non guardatemi così!

Partiamo dalle basi: a cosa serve il filo interdentale?

La cosa più importante è che, insieme allo spazzolino, il filo è fondamentale per rimuovere i residui di cibo che si depositano tra i denti. Avete presente quando mangiate delle fragole e restano i semini dappertutto? Ecco, il filo interdentale serve ad arrivare dove lo spazzolino non riesce (non spazzolate come dei matti sulle gengive che vi viene un’infammazione!). Avremo, di conseguenza, gengive sane, rosee e forti. Passare il filo interdentale quotidianamente è un modo per limitare la formazione di carie tra i denti (roba brutta, quella lì) e, ultima cosa, ma sicuramente non meno importante, farete felice il vostro igienista dentale!

Passare il filo interdentale sembra una cosa noiosissima, magari pure difficile, ma solo finché non si sente quant’è BELLO avere i denti davvero puliti. Se si aggiunge il collutorio finale, poi… Fantastico.

Facciamo un passo avanti. Filo interdentale: tipi in commercio. 

Le tipologie di filo interdentale sono tante e adatte a molte necessità. Esiste il filo interdentale espandibile, il filo interdentale cerato, il filo interdentale per impianti, quello per apparecchi… Al di là del bisogno specifico, ci sono tipologie che possono servire un po’ a tutti. Per esempio, il filo interdentale espandibile. Questo tipo di filo è formato da molti altri fili intrecciati insieme che, appunto, si espandono mentre vengono passati tra i denti e aiutano a rimuovere meglio la placca e pulire i denti. 

Il filo può essere anche cerato o non cerato; questa cera può essere animale o vegetale: noi di Geldis offriamo solo prodotti vegani, quindi la cera dei nostri fili è totalmente vegetale. Ma questo tipo di cera ha anche un grande vantaggio: è molto delicata sulle gengive (basta provare ad arrotolare un po’ di filo tra le dita per accorgersene!). 

filo-interdentale-espandibile-cioccolato-pack-mano
Il nostro buonissimo Doctor Filo® al Cioccolato

Ma è meglio il filo interdentale cerato o no? Diciamo che quello cerato è adatto a tutti: si adatta bene a qualsiasi spazio interdentale e, se cerato di cera vegetale, è molto meno “aggressivo” e scivola più facilmente tra i denti, evitando di danneggiare le gengive. Quindi è un filo interdentale per denti stretti, ma anche per denti accavallati, super allineati, che si stanno sistemando… Proprio per tutti!

Esistono, ovviamente, altre tipologie ancora. Per esempio, le forcelle. Una forcella per filo interdentale è un piccolo gancino con del filo all’estremità, e rende più facile questo passaggio, soprattutto se si è fuori casa, perché non è necessario usare le dita. La cosa un po’ negativa delle forcelle è che sono usa e getta e, di solito, di plastica. MA, noi ce le abbiamo biodegradabili: problema risolto! Le trovate qui.

Come usare il filo interdentale?

Spoiler: è facile. Dipende un po’ dalla vostra bocca (quanto si apre, per esempio), ma in linea di massima non è complesso, basta farlo una volta e avrete capito. 

Credits: Tenor GIFs

Facciamolo insieme, passo per passo.

Primo passo: prendere circa 40 cm di filo e arrotolatelo sui due indici, tenendolo stretto con i pollici (è qui che dovreste già sentire che la cera vegetale è delicatissima). 

Secondo passo: partite dai denti che vi vengono più comodi, e dal lato che preferite (alla fine, basta che siano passati tutti). Inserite il filo tra i denti e poi muovetelo prima dall’alto in basso, poi avanti e indietro: i denti e le gengive saranno pulitissimi!

Terzo passo: gettate il filo interdentale che avete usato nella raccolta indifferenziata. 

FINE! Potete anche ringraziarci dopo, nessun problema.

In conclusione: il filo interdentale, prima o dopo essersi lavati i denti? Quante volte al giorno?

Su questi punti ci sono opinioni diverse. Noi vi consigliamo di seguire quanto detto dal vostro igienista dentale, che conosce la vostra bocca e saprà sicuramente dirvi cos’è meglio per voi. 

In ogni caso, il filo interdentale sarebbe meglio passarlo almeno una volta al giorno, preferibilmente la sera. Ma il punto è uno solo: passarlo! 

In realtà ci sarebbe un’altra cosa…Sappiamo perfettamente che passare il filo interdentale è davvero noioso, quindi abbiamo cercato di rendere tutto il più piacevole possibile. Trovate i nostri Doctor Filo a cinque gusti diversi qui. Lime e Bergamotto, menta con fluoro, cioccolato, fragola e mela verde con fluoro: sembrano gusti di gelato, non ci sono proprio scuse!

Per concludere la vostra routine di igiene vi consigliamo di fare qualche sciacquo con un buon collutorio (anzi, possibilmente buonissimo) che non rovini lo smalto e che preservi la salute della bocca, lasciando una piacevole sensazione: trovate i nostri qui.