Igiene orale consigli

Caro Geldis, a cosa serve Fluoro?

prof-chimica-fluoro-tavola-periodica

Partiamo dai fondamentali: che cos’è il fluoro? 

Il fluoro è un elemento che, seppur in quantità ridotte, è presente in qualsiasi tessuto del nostro organismo. I motivi che lo rendono un elemento fondamentale in ambito igiene orale è il fatto che le percentuali più elevate si trovano nell’ossatura e nei denti.

Credits to: Tenor

Ma a che cosa serve il fluoro? 

Il fluoro favorisce il deposito di calcio all’interno delle ossa rinforzandole e favorendo quindi la remineralizzazione e il corretto sviluppo della dentatura. Proprio per questo motivo, delle cure a base di fluoro vengono spesso implementate nella prevenzione della formazione della carie dentale e, in casi di osteoporosi, per prevenire anche le varie tipologie di fratture ossee che ne possono conseguire.

Breve cenno storico: l’implementazione del fluoro in età pediatrica, sotto forma di gocce o compresse, venne proposta già negli anni ’50 per prevenire la formazione della carie e favorire la remineralizzazione di tutti i tessuti ossei. Proprio in quegli anni, vennero effettuati i primi interventi di fluorizzazione delle acque potabili per assicurarsi che alla popolazione venisse garantito il fabbisogno giornaliero di fluoro.

Quanto fluoro devo assumere giornalmente?

Il fabbisogno di fluoro varia molto a seconda delle fasce d’età, negli adulti si consigliano da 1,5 a 4 mg di fluoro al giorno. Tuttavia, in caso di dubbi, o in presenza di particolari necessità, è sempre consigliato rivolgersi ad un professionista, ovvero il vostro odontoiatra o il vostro Igienista dentale. Il loro lavoro è proprio quello di fornirvi i migliori consigli e indicazioni e rispondere a tutti i vostri dubbi!

scoiattoli-noce-fluoro

In quali alimenti lo si può trovare? 

Il livello di fluoro in alimenti di origine vegetale è estremamente variabile: varia in base all’utilizzo o meno di fertilizzanti, le caratteristiche del terreno di coltivazione, gli agenti atmosferici ecc. Il vegetale che, senza ombra di dubbio, rappresenta un’ottima fonte di fluoro sono le patate, soprattutto la buccia in quanto possiede un’elevatissima percentuale di fluoro rispetto ad altri alimenti.

Tuttavia, una fonte certa di fluoro sono il , l’acqua potabile e, tanto per essere didascalici, l’acqua fluorizzata. Bisogna tuttavia tenere in conto che le concentrazione di fluoro nelle acque minerali sono estremamente variabili.

Infatti, la percentuale di fluoro nelle acque oligominerali (le più comuni) è praticamente pari a zero, invece, nelle acque fluorizzate possiamo dire di avere una percentuale di fluoro ideale in quanto superiore a 1 mg/l.

 bridgerton-daphne-bridgerton.
Credits to: Tenor

Cosa succede se non assumo abbastanza fluoro?

Non assumere abbastanza fluoro può compromettere la salute del cavo orale, ad esempio, con l’insorgenza di carie. 

Cosa succede se assumo troppo fluoro?

Assumere troppo fluoro può compromettere il metabolismo ed il sistema nervoso centrale di reni, fegato, cuore e organi riproduttivi.

Si può incorrere anche in fenomeni di calcificazione  o marmorizzazione dei denti ma questo, ovviamente, solo in casi di assunzione di dosi davvero eccessive.

(In ogni caso, io eviterei di mangiarmi il dentifricio, ecco) 

I sintomi a cui prestare attenzione sono: la comparsa di macchie bianche sui denti che, andando avanti con un’iper assunzione di fluoro, andranno ad evolversi in vere e proprie cavità. È davvero molto facile eccedere nell’assuzione di fluoro perciò vi consigliamo di rivolgervi sempre ad un professionista in caso di dubbi, per evitare di trasformare un elemento che potrebbe darvi grandi benefici in un potenziale rischio per la vostra salute.

Il rischio più grave da tenere in considerazione è il fatto che il danno causato da un consumo eccessivo di fluoro è cumulativo, ovvero , è un elemento che tendenzialmente rimane nelle ossa e che quindi andrà ad aumentare la densità dello scheletro, rendendolo più rigido e quindi meno resistente a colpi e pressioni, andando incontro a potenziali fratture causate da urti anche minimi.

Ma quindi, il fluoro fa davvero bene ai denti? 

Certo! Il fluoro è importantissimo per lo sviluppo di un sorriso forte e sano, a partire dalla nascita. Per questo abbiamo una linea di fili interdentali e collutori con trattamento al fluoro per incontrare le esigenze di tutti! 

collutorio menta senza clorexidina con fluoro