Igiene dentale news

Dottore, non sono un pugile. Perchè devo portare il bite?

 

Il Bite dentale è una mascherina mobile, molto simile a quella portata dai pugili.
Molte persone, anche in età adulta, iniziano a portarlo su consiglio del proprio dentista.
Il Bite viene posizionato tra le due arcate dentali e morso, nel vero senso della parola, da chi lo indossa.

 

Mascherina, allineatore e bite: differenze

Mascherine ed allineatori sono apparecchi invisibili, realizzati in materiale plastico, che servono ad allineare i denti.
Il Bite invece è una protezione per i denti, una sorta di paradenti che non ha lo scopo di spostare i denti. Viene consigliato soprattutto per risolvere i problemi dell’apparato masticatorio legati al digrignamento dei denti, alla dislocazione mandibolare e al russamento.

Ma perché si usa?

Il Bite è la soluzione alle problematiche che insorgono quando si assume, nella maggior parte dei casi involontariamente, l’abitudine di digrignare i denti.
Durante la notte, svolgendo attività di concentrazione o sportive, in cui non ci si rende conto di farlo, spesso si digrignano i denti.
Questa abitudine può provocare non solo problemi ai denti, ma è spesso accompagnata da mal di testa frequenti e dolori articolari diffusi.
La soluzione è quindi quella di mettere una sorta di “separatore” tra l’arcata superiore e quella inferiore.

Che tipi di bite esistono?

Esistono bite rigidi e più morbidi. Sarà ovviamente il vostro dentista a consigliarvi quello più adatto alla vostra situazione. Il consiglio è quello di non acquistare bite su Internet. Dal momento che il bite è la soluzione ad un problema soggettivo, deve essere preparato ad hoc proprio per voi e voi soltanto.

Nello specifico esistono diverse tipologie:

  • personalizzati: realizzati su misura dal dentista dopo aver preso l’impronta, sono i più consigliati in quanto sono realizzati specificatamente per la persona;
  • automodellanti: mascherine che si adattano alla propria impronta dentale;
  • preformati: placche in resina con una conformazione standard.

La tipologia di bite viene scelta anche in base alla problematica che si vuole risolvere. Il bite viene utilizzato soprattutto in caso di:

  • Russamento
  • Bruxismo
  • Riposizionamento condilo-mandibolare (nello specifico si dovrà indossare un bite ortotico, poiché ha una funzione ortopedica)
  • Malocclusione
  • Mal di testa e mal di schiena

Come lo posso tenere pulito?

Diciamo la verità. Il Bite può non avere un buon odore dopo essere stato indossato una notte intera. Il materiale di cui sono composti quelli morbidi poi, non aiutano di certo.

Occorre quindi pulire il bite a fondo prima di riporlo nel suo contenitore. Il nostro consiglio è quello di pulirlo con Geldis, aiutandosi con uno spazzolino. Non sarà quindi un trauma riaprire la malefica scatoletta e rindossarlo la sera prima di andare a dormire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *